Vai al contenuto
Home » LE TAPPE » TAPPA 09 Gavi – Bosio

TAPPA 09 Gavi – Bosio

Tappa 9

Segnavia: CAI
Località di partenza: Gavi m 254
Località di arrivo: Bosio m 358
Dislivello in salita: 350 m circa
Dislivello in discesa: 260 m circa
Lunghezza: 8,6 Km
Tempo di percorrenza stimato, escluse le soste: 2:30 ore circa
Difficoltà: Escursionistico

Total distance: 8682 m
Max elevation: 397 m
Min elevation: 236 m
DOWNLOAD GPX

DESCRIZIONE TAPPA

Dalla centrale Piazza Dante Alighieri si procede lungo la  via G. Mameli, che si segue per 330 m fino all’incrocio con Vico Portino, dove si svolta a sinistra. Lungo la via principale sono presenti numerosi negozi, caffetterie e ristoranti. Si consiglia inoltre una visita alla Chiesa di San Giacomo.

Proseguendo prima su vico Portino e poi su via Delle Antiche Mura si costeggia per un breve tratto ciò che resta delle mura cittadine di Gavi. “Il Portino”, risalente al secolo XIII, è l’unica delle antiche porte cittadine di Gavi rimasta integra. Al termine di via delle Antiche Mura si arriva sulla SP 170, e ci si dirige verso il ponte sul Lemme. Superato il ponte si svolta a destra per imboccare la SP 168 che si segue, prima pianeggiante e poi in salita, per circa 2,2 chilometri fino alla località Nebbioli, dove è presente una trattoria. Dal crocevia di Nebbioli è possibile effettuare una deviazione di circa 500 m per visitare il Santuario della Madonna della Guardia, luogo da cui si gode di un bellissimo panorama su Gavi e la campagna limitrofa. Si ritorna a Nebbioli per la stessa strada percorsa a salire.

Da Nebbioli il cammino prosegue a sinistra, sempre su asfalto, in direzione della località Rainieri: dopo circa 600 metri si raggiunge un bivio, in corrispondenza di un punto panoramico, dove si svolta a destra in direzione della frazione Cadimassa. All’incrocio successivo, dopo circa 500 m, si segue, in salita, la via Cadimassa in direzione Bosio. Dopo circa 1 chilometro, un bivio sulla sinistra porta alla panchina gigante di Bosio, che si raggiunge camminando lungo i filari di una vigna. La tappa prosegue invece verso Bosio, sempre su asfalto e ignorando le deviazioni laterali. Arrivati quasi in paese, a metà di una ampia curva  si stacca, a destra, la stretta via della Fucina che si percorre in salita per arrivare alla frazione Serra di Bosio (370 m.s.l.m.). Si prosegue quindi lungo via V. Emanuele verso piazza Regina Elena, passando accanto alla cappelletta frazionale, per poi iniziare a scendere lungo via Serra (B&B Cà du Lilan). All’incrocio con via Mogge si scende a sinistra passando accanto al campo sportivo del paese, fino ad arrivare in Piazza 1° luglio.

Lungo tutta la tappa è possibile osservare il paesaggio rurale dei vigneti tipici della zona di produzione del Gavi DOCG, che rappresentano un’importante attività agricola ed economica per Gavi e per le località limitrofe. A Gavi si trova la “Cantina Produttori del Gavi”, un consorzio di viticoltori locali, e sono numerose le aziende vitivinicole sparse sul territorio. Alcune si incontrano anche lungo il cammino oppure sono poste poco distanti da esso. Il comune di Bosio ha istituito nel 2012 un albo dei vigneti storici e in zona sono prodotti due vini DOCG: il Cortese di Gavi e il Dolcetto d’Ovada superiore

.

Foto

Galleria fotografica della TAPPA 09 Gavi – Bosio – Cammino Piemonte SUD

Strutture ricettive
Foto di La Chiave – Antica Trattoria del canto
Attività VIA SERRA 16 Bosio AL Italia Telefono attività: 0143 685126 Sito web: Web
Categorie: Pizzeria, Struttura ricettiva, Tappa 9
Aggiornato 4 mesi fa. Ritorna all'inizio.
Foto di Le brigne
Attività Via Umberto I, 1 Molare AL 15074 Italia Telefono attività: 0143 888306
Categorie: Ristorante, Struttura ricettiva
Aggiornato 4 mesi fa. Ritorna all'inizio.
Prodotti tipici

No results.